save the date: 21 marzo 19 – Bologna – presentazione del libro “Attore…ma di lavoro cosa fai?”

L’occupazione nei settori culturali e creativi in Europa, incluso il settore delle performing arts, negli anni della crisi è cresciuta, mentre calava nel resto dell’economia. A uno sguardo più ravvicinato e attento, emergono tuttavia le difficoltà del settore, accentuate dalla crisi economica, dalla contrazione dei consumi e dalla riduzione del sostegno pubblico. La precarietà è sempre più diffusa, l’accesso alla professione è tortuoso, manca la consapevolezza dei propri diritti e dunque la possibilità di difenderli. Queste difficoltà si inseriscono in una trasformazione più profonda e generale dell’idea stessa del lavoro e, in particolare, del lavoro intellettuale. “Attore… ma di lavoro cosa fai?” va al cuore di queste contraddizioni.

save the date: Bologna 15 febbraio 2019 presentazione del Rapporto Federcultura 2018

Presentazione del  Rapporto Federculture 2018 “Impresa Cultura. Comunità, territori, sviluppo”, il prossimo 15 febbraio 2019 alle ore 15,30 presso DAMSLab Laboratori delle Arti, Piazzetta P. P. Pasolini 5b – Bologna.

L’iniziativa è promossa da Federculture e DAMSLab – Dipartimento delle Arti – Alma Mater Studiorum Università di Bologna con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Bologna. Per confermare la presenza: eventi@federculture.it

Save the date: 18 ottobre presentazione del Master in Imprenditoria dello Spettacolo – Università di Bologna – 2018-19

Il 18 ottobre si terrà a Bologna la presentazione del Master in Imprenditoria dello Spettacolo istituito dal Dipartimento delle Arti dell’Università, per anno accademico 2018-2019. L’incontro avrà luogo alle 10,30 presso il Dipartimento delle Arti, Palazzo Marescotti, via Barberia, 4.
Parteciperanno il direttore del Master Marco De Marinis, i docenti Roberta Paltrinieri e Andrea Maulini, il coordinatore Antonio Taormina; saranno con loro allievi delle precedenti edizioni del corso. Il Master di I livello in Imprenditoria dello Spettacolo istituito Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, si avvale della collaborazione di ERT – Emilia Romagna Teatro Fondazione e della Fondazione Teatro Comunale di Bologna; del patrocinio di AGIS Associazione Generale Italiana Spettacolo, Federculture e Fondazione Symbola. Per scaricare il bando per partecipare alla selezione e per informazioni clicca qui http://imprenditoriaspettacolo.blogspot.com/

Il ’68 di John Lennon. Bologna, 2 agosto, Teatri di Vita – Festival “Cuore d’Inghilterra”

Save the date: Teatri di Vita, Festival internazionale “Cuore d’Inghilterra”. Bologna, via Emilia Ponente 458.

Per scoprire il programma del festival
https://www.teatridivita.it/cuoredinghilterra/

2 agosto, ore 19: “Il ’68 di John Lennon” incontro condotto da Antonio Taormina

Il ’68 rappresentò un anno importante per la musica pop/rock. Lo fu anche per John Lennon che all’epoca ne rappresentava una delle espressioni più alte e che di lì a poco avrebbe lasciato i Beatles per intraprendere un nuovo percorso, diviso tra sperimentazione “underground” e impegno politico.
Il ’68 di Lennon è raccontato da Antonio Taormina, uno dei maggiori esperti in materia, curatore insieme a Donatella Franzoni di mostre e libri, tra cui l’edizione italiana di scritti di Lennon “Immagina. Racconti, disegni e sogni di un genio” (ed. Il Saggiatore).

Save the date: 14 novembre presentazione a Bologna del Rapporto “Io sono cultura” a cura della Fondazione Symbola

 

IO SONO CULTURA – Rapporto 2017

Abstract

EMILIA ROMAGNA  QUINTA PER OCCUPAZIONE PRODOTTA DA CULTURA E CREATIVITA’

BOLOGNA E MODENA  NELLA TOP TEN DELLE PROVINCE PER RICCHEZZA PRODOTTA E OCCUPAZIONE

LA CULTURA MOTORE DELL’ITALIA E DEL MADE IN ITALY

i dati di IO SONO CULTURA il rapporto annuale di Symbola e Unioncamere:  il sistema produttivo culturale e creativo produce 89,9 miliardi di valore aggiunto e ne muove in totale 250: il 16,7% della ricchezza prodotta

 

  L’Emilia Romagna è quinta nella graduatoria delle regioni per incidenza di occupazione e settima in quella per quota di valore aggiunto dovuti al sistema produttivo culturale e creativo sul totale della locale economia.  Un risultato cui contribuiscono soprattutto le province di Modena e Bologna,  sesta e settima per quota di occupazione dovuta a cultura e creatività. Bologna e Modena,  inoltre,  sono rispettivamente la  nona e la decima  provincia d’Italia per incidenza di valore aggiunto dovuto a cultura e creativitàÈ quanto emerge dalle classifiche dello studio “Io sono cultura – L’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi” elaborato da Symbola e Unioncamere con la collaborazione e il sostegno della Regione Marche e di Sida Group.

L’unico studio in Italia che annualmente quantifica il peso della cultura e della creatività nell’economia nazionale. I numeri dimostrano che la cultura è uno dei motori trainanti dell’economia italiana, uno dei fattori che più alimentano la qualità e la competitività del made in Italy. Il Sistema Produttivo Culturale e Creativo, fatto da imprese, PA e non profit, genera 89,9 miliardi di euro e ‘attiva’ altri settori dell’economia, arrivando a muovere nell’insieme 250 miliardi, equivalenti al 16,7% del valore aggiunto nazionale. Un dato comprensivo del valore prodotto dalle filiere del settore, ma anche di quella parte dell’economia che beneficia di cultura e creatività e che da queste viene stimolata, a cominciare dal turismo. Una ricchezza che si riflette in positivo anche sull’occupazione: il solo Sistema Produttivo Culturale e Creativo dà lavoro a 1,5 milioni di persone (quasi 22mila unità in più del 2015), che rappresentano il 6% del totale degli occupati in Italia.

Nel complesso quello produttivo culturale e creativo è un sistema con il segno più: nel 2016 ha prodotto un valore aggiunto superiore rispetto all’anno precedente (+1,8%), sostenuto da un analogo aumento dell’occupazione (+1,5%). Crescite lievemente superiori a quelle relative al complesso dell’economia (+1,5% di valore aggiunto e +1,3% di occupazione).

(continua…)